• 1 agosto 2014 /  Nazionalsocialismo Esoterico

    Guido-von-List-Il-segreto-delle-runeTutto il misticismo della scienza runica di Wuotan viene raccontato nell’eddico “Carme dell’Altissimo” che descrive la morte sacrificale di Wuotan, e che ci ricorda il mistero del Golgotha in più di un aspetto. All’inizio il racconto presenta lo stesso Wotan che parla, dopo di che lo scaldo, che ha scritto il racconto, diventa il narratore termina la canzone. La canzone così inizia:

    Io so che da un albero al vento pendetti,
    per nove notti intere, ferito da una lancia e immolato a Odino,
    io stesso a me stesso
    su quell’albero che nessuno sa
    da quali radici nasca.
    Pane nessuno mi dette, né corno per bere;
    io giù guardai:
    raccolsi le rune, dolorante le presi:
    e giù caddi di là.


    Dopo altre strofe introduttive, la canzone presenta la caratterizzazione delle 18 rune con le loro interpretazioni mistiche. Quando queste strofe sono appaiate con i nomi delle rune, ci illuminano in modo veramente straordinario e forniscono sostanzialmente la soluzione del “mistero delle rune“. I versi seguenti introducono la spiegazione delle rune, dopo di che lo scaldo passa alla vera canzone delle rune:

    Il sapere di Wuotan precede la creazione del mondo,
    là andò, da là torna;
    dei canti io conosco che non conosce nessuna donna,
    né per certo uomo alcuno.

    runa-fa1: fa, feh, feo = incendio [Feuerzeugung], bestiame [Vieh], proprietà [Besitz], crescere [wachsen], vagare [wandern], distruggere [fetzen, fetsen -> vernichten]

    Aiuto si chiama il primo, e ti aiuterà
    nei dolori, nelle pene e in ogni calamità.

    La parola radicale “fa”, che in questa runa è simbolo della parola primordiale, è il principio del crescere, essere (fare, lavorare, regolare) e del “morire per rinascere” e quindi della transitorietà di tutta l’esistenza e perciò della stabilità dell’Ego nella sua continua trasformazione.

    Questa runa quindi contiene la consoloazione dello scaldo per il quale il vero sapere esiste solo per l’evoluzione del futuro, mentre solo lo sciocco si lamenta della decadenza: “Produci la tua buona sorte e l’avrai”.

    runa-ur2: ur = Ur (primordiale), eternità [Urewigkeit], fuoco originario [Urfeuer], luce originaria [Urlicht], toro primitivo [Urzeugung] (generazione primitiva), uro (Bos primigenius), resurrezione [Urstaend] (vita dopo la morte).

    Un altro ne conosco che è utile per gli uomini
    che vogliono essere medici.

    La base di tutte queste manifestazioni è l'”Ur”. Chiunque sia in grado di riconoscere la causa [Ursache = ‘cosa originaria’] di un evento, per lui il fenomeno stesso non sembra un puzzle insolubile – che sia fortunato o sfortunato – e quindi è in grado di contrastare la sfortuna o aumentare la fortuna, ma anche di riconoscere il falso male e la falsa fortuna. Perciò: “Conosci te stesso e conoscerai tutto”.

    runa-thorn3: thorr, thurs, thorn = Thorr [tuono, lampo, saetta], spina[Dorn].

    Un terzo ne conosco: se ho gran bisogno
    di difendermi dal mio nemico
    ottundo la lama del mio avversano,
    così che non taglino le sue armi.

    La “spina della morte” è quella che Wuotan usa per indurre il sonno mortale in Brunilde, la valkiria disobbediente (cfr. la Bella Addormentata ecc…), ma opposta a questa è la “spina della vita” (fallo), con cui la morte è sconfitta dalla rinascita. Questo segno minaccioso sicuramente smussa l’arma che si oppone a colui che va incontro alla morte, attraverso un continuo rinnovamento della vita nella rinascita. Quindi: “Conserva il tuo ego”.

    runa-os4: os, as, ask, ast = Ase (uno degli Asi), bocca; crescente [Entsehung], frassino [Esche], cenere [Asche]

    Un quarto ne conosco: se serrano con catene
    le mie membra,
    io canto in modo da poter fuggire;
    scattano via i ceppi dai piedi,
    e i legami dalle mie mani.

    La bocca, la potenza della parola!

    Il potere spirituale che si manifesta attraverso la parola (potere di suggestione) frantuma i limiti della materia e rende liberi, conquista i conquistatori, che si avvantaggiano solo della forza fisica, e distrugge ogni tirannia (Nella lotta per l’esistenza, le persone – Volk – che vincono sono quelle che sviluppano se stessi con la preservazione della loro forza morale. Con la scomparsa della moralità, viene perso anche l’elevato rango spirituale e intellettuale, come prova la storia — ‘il Giudizio finale’.).

    Per cui: “La tua forza spirituale ti rende libero”.

    runa-rit5: rit, reith, rath, ruoth, Rita [ruota cosmica], magistrato [Rath], rosso [Roth], ruota [Rad], truppa [rott], destra o diritto [Recht] ecc…

    Un quinto ne conosco: se vedo volare un dardo,
    scagliato dal nemico, verso la mia schiera,
    non volerà così forte, che io non lo possa trattenere,
    purché con i miei occhi lo veda.

    La tre volte santa “Rita”, la “Ruota Solare”, lo stesso “Urfyr” (fuoco primordiale, Dio!). L”aumentata consapevolezza introspettiva [Innerlichkeitsgefuehl] degli Ariani era la coscienza della loro divinità, perché “introspezione” significa “essere con se stessi”, ed essere con se stessi è essere con Dio.

    Finché un popolo possiede intatta la propria “introspezione” originaria in quanto “popolo naturale” (Il popolo come popolo naturale non è in condizione selvaggia, perché i ‘selvaggi’ non civilizzati vivono nei limiti del più orribile “sciamanesimo”. Il popolo come popolo naturale, al contrario, sviluppa un elevato livello culturale, essendo libero da ogni falsa sofisticazione.), non ha neanche motivo di adorare una divinità esterna, perché un rito dedicato a una divinità esterna è giustificato solo quando non si è in grado di trovare Dio nel profondo del proprio essere, e cominciare a cercarla fuori dal proprio “Ego” e dal mondo — “lassù nel cielo stellato”.

    Quanto meno una persona è introspettiva, tanto più la sua vita diventa superficiale e quanto più un popolo perde la sua interiorità, tanto più le sue manifestazioni esteriori diventano cerimoniose e ritualizzate nel governo, nelle leggi, nella religione e che cominciano a separarsi come concetti, ma che dovrebbero rimanere uniti nella conoscenza: “Ciò in cui credo è ciò che conosco e quindi lo vivo”.

    Così la interiorità-divinità degli Ariani spiega il loro disdegno della morte e la loro illimitata fede in Dio e nel Sé, che si esprime gloriosamente nella “Rita” (ordine o legge cosmica) e che ha come simbolico segno-parola la quinta runa.
    Questa runa perciò dice:

    “Io sono la mia legge [rod], questa legge è indistruttibile e quindi io stesso sono indistruttibile, perché io sono la mia legge”.

    runa-ka6: ka, kaun, kan, kuna, kien, Kiel [chiglia], kon, ardito [Kuehn], niente [kein], ecc…

    Un sesto ne conosco: se qualcuno mi tormenta
    con le radici di un albero,
    costui, che mi ha eccitato all’ira,
    il male lo roderà in vece mia.

    L’albero cosmico Yggdrasil rappresenta in senso stretto l’albero tribale ario, di fianco al quale gli alberi tribali delle razze straniere sono visti come “piante estranee”.

    Il significato del runico “kaun”, “kunna” (ragazza, per esempio nel nome Adelgunda) mostra il principio femminile nel Tutto in senso puramente sessuale.
    La tribù, la razza, deve essere mantenuta pura; non deve essere alterata dalle radici di un albero straniero (fallo).

    Se tuttavia ciò deve accadere, è di scarso vantaggio per la “pianta straniera”, perché il suo “germoglio straniero” crescerà per diventare il suo violento nemico.
    Quindi: “Il tuo sangue, il tuo bene più prezioso”.

    runa-hagal7: hagal = contenere il Tutto, rinchiudere; grandine [Hagel], distruggere.

    Un settimo ne conosco: se vedo una casa bruciare
    al di sopra di chi ci abita,
    non arderà tanto che io non la possa salvare;
    io so cantare quel canto.
    (“La magia del fuoco, tuttora praticata come “evocazione delle fiamme”)

    Hagal! Consapevolezza interiore, coscienza di portare il proprio Dio con tutte le sue qualità in se stessi, produce una forte auto-stima nel potere dello spirito personale che conferisce potere magico, potere magico che è presente in tutte le persone, un potere che può convincere uno spirito forte a credere in esso senza alcun dubbio.

    Cristo, che fu una di queste rare persone – come Wotan – disse: “In verità, in verità vi dico, se qualcuno dicesse a questa pietra: spostati — e lo credesse veramente — allora questa si leverebbe e volerebbe fino al mare.”

    Generato da questa consapevolezza senza dubbi, il prescelto controlla i livelli materiale e spirituale, da lui compresi completamente, e quindi si sente onnipotente.
    Quindi: “Accogli il tutto in te, controllerai il tutto”.

    runa-noth8: nauth,noth (Not=necessità), Norna, obbligo del destino.

    Un ottavo ne conosco; che è per tutti
    utile ad apprendere:
    dove l’odio cresce tra i figli di un principe,
    io in breve lo posso placare.

    “La runa della necessità fiorisce sull’unghia della Norna”. Questa non è il “bisogno” inteso nel senso moderno della parola, ma piuttosto la “forza del destino” – ciò che le Norne decidono in accordo alla legge primordiale. Con questa si può capire la causalità fisica di tutti i fenomeni. Chiunque sia capace di comprendere subito la causa primitiva di un fenomeno, e chiunque abbia la conoscenza delle regole dell’evoluzione della materia e i fenomeni naturali che ne derivano, è anche in grado di valutare le loro conseguenze non appena queste iniziano a manifestarsi. Perciò domina la conoscenza del futuro e comprende anche come comporre tutte le discordie attraverso “l’incanalamento della chiaramente nota via del destino”. Quindi: “Usa il tuo destino, non opporti a esso”.

    runa-is9: is, ghiaccio [Eis], ferro [Eisen].

    Un nono ne conosco: se mi spinge la necessità
    di salvare in mare la mia nave,
    io posso acquetare il vento sui flutti
    e calmare le acque.

    Attraverso la “indubbia coscienza del proprio potere spirituale” le onde vengono legate – “congelate” – indurite come il ghiaccio. Ma non solo le onde [Wellen] (simbolo della volontà [Wille]), tutta le vite obbediscono alla volontà irresistibile, e innumerevoli esempi della “Agisshield” (Questo è correlato all’AEgis-hjalmer, l’elmo della disperazione e del terrore, che era parte del tesoro dei Nibelunghi vinto da Sigurdhr [NdT].) di Wuotan, così come la testa della Medusa ad Atene, l'”Agishelm”, lungo tutto lo sviluppo della teoria e della pratica della caccia di rendere “congelato” un animale (La magia di “congelare” nella teoria e nella pratica della caccia; viene anche chiamata ipnosi.), e la moderna ipnosi, sono tutti basati sul potere ipnotico della forza di volontà dello spirito simbolizzata dalla nona runa; quindi: “Sviluppa il potere su te stesso e avrai potere su tutte le cose del mondo spirituale e fisico che si leveranno contro di te”.

    runa-ar10: ar, sole, fuoco primordiale [Urfyr], ariani, aquila [Adler] ecc.

    Un decimo ne conosco: se vedo delle streghe volteggiare nell’aria,
    opero in modo che esse non riescano a ritrovare
    le loro spoglie, e i loro spinti.

    L’ar, l’urfyr (fuoco primordiale, dio), il “sole”, la “luce” distruggerà il buio, il dubbio e l”incertezza sia spirituale che materiale.
    Nel segno di Ar gli Ariani – i figli del sole – hanno basato le loro leggi (Rita), la legge originaria aria, di cui l”aquila (Aar) è il geroglifico. Si autosacrifica, si immola sulle fiamme, per poter risorgere.

    Per questo motivo è stata chiamata “fanisk” (Fanisk: fan = nascita; -ask (isk) = sorgere, iniziare, quindi, fanask o fanisk = inizio della nascita attraverso la rigenerazione. Fanisk successivamente divenne “Phoenix” [fenice], e questo spiega la leggenda della fenice. Cfr. con la Canzone delle rune di Odino: “Io so che da un albero al vento pendetti, per nove notti intere”.) e successivamente “fenice” ed è quindi interpretata come un geroglifico simbolico quando un’aquila viene deposta sulla pira funeraria di un eroe famoso per mostrare che l’eroe defunto ringiovanendo si prepara nella morte per una rinascita in modo da affrontare un più glorioso futuro sotto spoglie umane nonostante tutti i limiti imposti dai poteri oscuri — che crollano davanti all’ar: “Rispetta il fuoco originario”.

    runa-sieg11: sol, sal [salute], sul, sig [vittoria], sigi, sole, salvezza [Heil], vittoria [Sieg], colonna [Saeule], scuola [Schule] ecc.

    Un undicesimo ne conosco: se devo guidare
    a battaglia dei vecchi amici,
    io canto dietro allo scudo ed essi marciano
    intrepidi alla pugna,
    e incolumi ne ritornano:
    ovunque essi vanno sani e salvi.
    (Su questa magia è basata l’arte di Passau, dell’assicurare l’invulnerabilità a ogni ferita, pugnalata, o colpo [La città di Passau era famosa nel medio evo per le arti magiche, NdT].)

    Sal and sig – Salvezza e vittoria! [Heil und Sieg] (Ha qui la sua origine l’inno dell’Ordine Germanico, che successivamente divenne il motto nazionalsocialista: Sieg Heil! (Salute vittoria) [NdT].). Il millenario grido di saluto e di battaglia ariano è anche presente in una variante del diffuso richiamo dell’ispirazione: alaf sal fena! (Tutta la salvezza del sole a chi è conscio del suo potere). Questo concetto è stato simbolizzato dall’undicesimo segno del futharkh con la runa della vittoria (sig-rune): “Lo spirito creatore deve conquistare”.

    runa-tyr12: Tyr, tar, tur, Thier [animale] ecc… (Tyr, il dio del sole e della spada; Tiu, Zio, Ziu, Zeus; ‘Tar-’ = per generare, modificare, nascondere; da cui ‘Tarnhaut’ [mantello dell’invisibilità]; ecc…)

    Un dodicesimo ne conosco: se vedo un impiccato
    pendere dall’alto di un albero,
    in tal modo incido e dipingo delle rune,
    che costui può discenderne,
    e mettersi a parlare con me.

    Il rinato Wuotan, cioè il rinnovato Wuotan che si è calato giù dall’albero cosmico dopo il suo auto sacrificio, così come la rinnovata “fanisk” (fenice) che risorge dalle sue ceneri, è personificato dal giovane dio del sole e della spada, Tyr. Secondo le regole mistiche, ogni credenza magica si muove parallelamente alla mitologia, nel senso che la modalità mitica è adottata come nei processi umano-terreni, per raggiungere risultati simili a quelli ottenuti nei miti. Contemporaneamente l’esoterismo in base alla nota “Zweispaeltig-zweieinige Zweiheit” riconosce l'”Unico mistico” nel “Molteplice mistico” – e quindi vede il destino del Tutto e dunque di ciascuno – nell’eterna trasformazione dalla morte alla rinascita. Come Wuotan ritorna dopo l’auto-immolazione – che deve essere intesa non solo come la sua morte ma piuttosto come tutta la sua vita – in un corpo rinnovato, così ogni singolo individuo ritorna dopo ogni vita sotto spoglie umane in un nuovo corpo attraverso una rinascita – che è anche auto-sacrificio. Per questo motivo “Tar” significa generare, vivere e morire e perciò “Tyr” è il giovane sole rinato e così pure la dodicesima runa è anche una “runa della vittoria”, e quindi è incisa sulle lame delle spade e delle scuri come segno propiziatorio per la vittoria. Si dirà: “Non temere la morte – non ti può uccidere”.

    runa-bar13: bar, beork, bioerk, nascita [Geburt], feretro [Bahre], canzone (bar = canzone; bardit = canto popolare – Dit, diet, diut, diutsch —> deutsch, popolo -).

    Un tredicesimo ne conosco: se verso dell’acqua
    su un giovane guerriero,
    egli non cadrà anche se nel mezzo della mischia,
    e non piegherà di fronte alle spade.

    Nella runa “bar” la vita spirituale del Tutto, la vita eterna in cui la vita umana si alterna tra nascita e morte eccetto un giorno, si pone in opposizione a questo giorno-nella-vita in forma umana, che procede da “bar” (nascita) attraverso “bar” (vita come canto) a “bar” (bara, morte) e che viene santificata e incantata dall’acqua della vita nel battesimo.

    Questa (diurna) vita è confinata tra nascita e morte, e anche se il destino non ha ancora stabilito una morte di spada per il figlio – esso è ancora esposto a questo e ad altri pericoli, perché la predeterminazione e l’assegnazione del destino governano le cieche leggi del caso (Caso! — in effetti non esiste nulla di simile al caso, perché tutti gli eventi senza eccezioni sono contenuti nel grande tessuto del fato – come l’ordito e la trama – tutti ben ordinati; ma per quanto riguarda l”ordito (tessitura), questo è difficilmente visibile anche per i veggenti. La catena degli effetti delle cause precedenti, effetti che a loro volta sono causa di altri effetti (e così via in una infinita successione), è visibile e calcolabile per i vedenti e gli iniziati; comunque è difficile prevedere nel tempo gli effetti delle leggi del fato di altri ego o gruppi di questi, e sapere quando toccheranno, attraverseranno, o in altro modo influenzeranno il disegno del nostro fato.

    Questi operano sul disegno del nostro fato – che è simile alla trama di un tessuto, come la trama o l’ordito di questa stoffa, e poiché queste influenze incommensurabili spesso improvvisamente e inaspettatamente disturbano il disegno del nostro proprio fato, queste vengono chiamate “caso”, senza tuttavia considerare l’evento casuale come qualcosa di irregolare o senza regola (cosa che non può essere!) ma piuttosto come qualcosa di imponderabile. La più antica mistica ariana aveva ben presente questo, e quindi descriveva le Regolatrici del Fato, le tre Nome, come le Tessitrici del Destino, quelle che tessono il “vestito del tempo”, cioè il “fato”.), che influenzano la libera volontà dell’uomo, ed è contro tale perverso decreto del fato che si suppone agisca la santa benedizione. Le genti germaniche non riconoscevano alcun “cieco destino”.

    Credevano nella predestinazione nel senso più ampio, ma intuitivamente videro che molte restrizioni (gli accidenti del caso!) si frappongono sulla via del completamento e del compimento del proprio destino con lo scopo di accrescere e rinforzare il potere personale. Senza questi accidenti, per esempio, ogni pianta di pino sarebbe inevitabilmente simmetrica in ogni sua parte; si dovrebbe essere uguali gli uni agli altri, mentre in realtà non si trovano due cose identiche, e così pure nella vita umana; tutto senza differenze, uniforme e uguale. Per questa ragione il neonato deve essere consacrato con l’acqua della vita (Per questo motivo anche la Chiesa, con chiaro riferimento all’acqua della vita, si suppone usi come acqua battesimale l’acqua viva, cioè l’acqua sorgiva, e rifiuti l’acqua stagnante delle pozze e dei laghi.) come difesa contro gli accidenti. Perciò: “La tua vita è nelle mani di Dio; credilo in te”.

    runa-laf14: laf, lagu, loegr, legge originaria [Urgesetz], mare [Meer], vita [Leben], caduta [Untergang] (sconfitta [Niederlage]).

    Un quattordicesimo ne conosco: se agli uomini devo
    enumerare tutti gli dei,
    tutti gli Asi e gli Alfi io ben conosco;
    cosi non sa nessuno stolto.

    La conoscenza intuitiva dell’essenza organica del Tutto, e quindi delle leggi della natura, forma la solida base del pensiero religioso ario, o “Wihinei” (religione), che era in grado di assimilare e comprendere il Tutto e quindi anche il singolo nel suo nascere, agire e morire per una nuova rinascita. Tale conoscenza esoterica veniva comunicata al popolo in miti formulati simbolicamente, perché l’occhio popolare non addestrato, non abituato a tali visioni profonde e ampie, non poteva vedere la legge primordiale nello stesso modo in cui l’occhio reale non può vedere l’oceano nella sua interezza, o l’occhio interno spirituale non addestrato l’infinitezza della vita nel tutto. Per cui la quattordicesima runa afferma: “Prima impara a navigare, poi osa viaggiare per mare”.

    runa-man15: man, mon, uomo [Mann], luna [Mond] (ma = madre, crescere; vuoto o morto).

    Un quindicesimo ne conosco: che cantò il nano
    Thiodhroerir, davanti alle porte di Delling:
    forza augurò agli Asi, successo agli Alfi,
    saggezza a Hroptatyr.

    In un altro senso, come nella popolare fiaba “L’uomo sulla luna”, la quindicesima runa si rivela come un segno santificato dalla generazione umana.
    La parola radicale “ma-” è segno della generazione femminile – “maternità” – così come la parola radicale “fa” è quella maschile.
    Per questo si ha “ma-ter” (madre) così come “fa-ter” (padre).

    La luna serve in modo mitico-mistico come il magico anello Draupnir (“sgocciolante”), da cui ogni nove notti germina (si separa) un anello ugualmente pesante, e che viene arso con Baldr; cioè, Nanna, la madre di suo figlio, era stata arsa assieme al Baldr.

    Secondo le regole mitico-mistiche, comunque, la notte corrisponde a un mese, e quindi le “nove notti” citate prima indicano la durata della gravidanza.
    Mentre i concetti di Mann (uomo), Maedchen (ragazza), Mutter (madre), Gemahl (marito), Gemahlin (moglie), matrimonio, mestruazione ecc. hanno origine nella parola radicale “ma” (come il concetto “Mond”, luna, con cui sono concettualmente legati internamente) tuttavia simbolizzano singoli concetti riconnessi in una apparente unità secondo il principio della “molteplicità multiunica-multifidica” [vieleinig vielspàltigen Vielheiten].

    Così anche la parola che esprime il concetto di questa unità è radicato nella parola “ma” e viene espresso come “man-ask” o “men- isk”, cioè: Mensch (uomo).
    Perciò – in quanto concetto unificante – la parola “uomo” è di un solo genere, il maschile (la valenza femminile di mascolinità non esiste), mentre il termine peggiorativo appartiene al terzo genere neutrale, su cui torneremo in seguito.

    La quindicesima runa comprende entrambi i concetti, essoterico ed esoterico, del mistero profondo dell’umanità e raggiunge il suo vertice nell’ammonimento: “Sii uomo”.

    runa-yr16: yr, eur, iride [Iris], arco [Bogen], arcobaleno [Regenbogen], arco di legno di tasso [Eisenholz bogen], sconcertare [Irren], collera [Zorn].

    Un sedicesimo ne conosco: se voglio ottenere
    i favori e le grazie di una donna,
    sconvolgo alla fanciulla dalle bianche braccia
    la mente e ogni suo senso.

    La runa “yr” è la runa “uomo” capovolta e come indica l’arco rappresenta la luna che scompare, calante, opposta alla luna piena della runa “uomo”, e quindi in prima istanza si riferisce alla mutabilità della luna, e secondariamente in quanto runa dell’errore [Irre] – si riferisce alla lunatica mutabilità dell’essenza femminile così ritratta nei versi seguenti dell’Havamal (Leggi della Vita) (stanza 84):

    Delle parole delle fanciulle nessuno si deve fidare,
    né di quel che dicono le donne,
    poiché su una ruota che gira furono fatti i loro cuori,
    e l”incostanza è nascosta nel petto loro.

    La runa “yr” o “errore”, che provoca confusione, sia attraverso l’eccitamento nella passione d’amore, nel gioco, nel bere (ubriachezza), sia attraverso le parole false (sofismi) o con qualsiasi altro mezzo, vincerà forse ogni resistenza grazie alla confusione, ma il successo di una vittoria conseguita con tali mezzi è illusorio come la vittoria stessa – perché porta rabbia, selvaggio furore e infine pazzia.

    La runa “yr” o “irr” perciò si oppone anche alla “os-rune” (v. precedentemente), perché cerca di piegare un oppositore con parole pretestuose piuttosto che con reali ragioni. L’insegnamento perciò è “Pensa alla fine”.

    runa-eh17: eh (é), Ehe [matrimonio], legge [Gesetz], cavallo [Pferd], tribunale [Gericht].

    Un diciassettesimo ne conosco, che mai mi lascerà
    quella giovane donna.

    La diciassettesima runa, o “eh”, pure si contrappone alla sedicesima. Mentre quella ammonisce contro i frivoli e transitori affari sentimentali, la runa del matrimonio “eh” afferma il concetto dell’amore duraturo basato sul matrimonio [Ehe] come legame legale tra uomo e donna.

    Questo simbolicamente è indicato da una successiva runa di matrimonio perché la runa “laf (v. sopra) è una “eh” raddoppiata, affermando quindi il simbolo: “Due legati assieme dalla legge primaria della vita”.

    Il matrimonio è il fondamento dei popoli, perciò “eh” ancora una volta esprime un’idea di legge, perché secondo una antica formula legale di matrimonio è la “Rauwurzel” (legame di sangue), cioè la legge-radice della continuità teutonica.

    Quindi: “Il matrimonio è il legame degli ariani”.

    Tra la diciassettesima e la diciottesima runa lo scaldo ha inserito i versi seguenti:

    Di questi canti privo, o Loddfafnir, ne resterai a lungo,
    ma buoni sarebbero se tu li impari,
    e utili se li apprendi,
    e giovevoli se li accogli.

    Dopo questo interludio, riprende con la successiva misteriosa diciottesima runa facendo parlare lo stesso Wuotan:

    fyrfos,croce uncinatafyrfos, croce uncinata

    Un diciottesimo ne conosco che mai svelerò
    né a donna né a fanciulla
    tutto va meglio quando è uno solo che sa;
    questo sia il commiato dei miei canti
    se non a lei sola che mi accoglie fra le sue braccia
    oppure alla mia sorella
    (Frigga, la moglie di Wuotan, è contemporaneamente sua sorella, prova che nei tempi antichi i matrimoni tra consanguinei, di cui vi sono numerosi esempi nella mitologia e nella storia, erano comuni.)

    In questa diciottesima strofa, lo scaldo di nuovo si ritira; lascia che sia Wuotan a cantare e parlare per mostrare che questo elevato sapere della generazione primordiale riguardo al Tutto può essere conosciuta e compresa unicamente e solamente attraverso l”unione nuziale delle divinità della “diade biunica-bifidica”, del potere spirituale e materiale uniti, e che solo questi sono in grado di comprendere il segreto della santissima triade della generazione perenne, della vita perenne, e della ricorrenza ininterrotta, e possono riconoscere la misteriosa (diciottesima) runa.

    Certamente è degno di nota il fatto che la diciottesima runa qui illustrata è – senza dubbio in modo intenzionalmente incompleto un “fyrfos”, e che riprende questo segno sia nel nome che nel significato – senza tuttavia esaurirlo.

    In questo è evidente l’intenzione degli scaldi di vigilare sul fyrfos come sul loro segreto più esoterico, e come sul sigillo dello stesso segreto. Solo dopo essere stati sottoposti a pressioni particolari hanno rivelato un altro segno che ha parzialmente sostituito il fyrfos.

    Questo segno, che può essere visto come un “sostituto” della diciottesima runa è:

    runa-giborge, gi, gira, gibor, dono [Gebe], donatore [Geber], Dio [Gott]; Gea, Geo, Terra, gigur, morte; ecc.

    “Gibor-Altar” (Gibor-Aitar è ancora presente nel toponimo Gibilterra [Gibraltar], nome la cui derivazione dall’Arabo “gibil tarik” è assolutamente insostenibile. “Gib-(-o-)-r aitar” era un “Halgadon” (santuario) consacrato dai Vandali al “dio generatore di tutto” nell’estremo sud della Spagna.) – Dio Creatore di Tutto! – Dio è il donatore, e la Terra riceve il suo dono. Ma la Terra non è solo la ricevente, è a sua volta anche donatrice.

    La parola radicale è “gi”, o “ge”; in questa è presente il concetto di “presentarsi” [Geben], ma indica anche “essere” nel senso di dono [Gebe], e di “morire per una nuova nascita” nel senso di andare [Gehen], Queste parole radicali “gi” o “ge” possono essere ora connesse ad altre parole primordiali o originali, di cui segue un piccolo esempio. In connessione con la parola radicale “fa” come in: gifa, gefa, gea, geo, indica la terra “creatrice di doni”. Con “bar” o “bor” (sorgente) il dio “fonte di doni”. Viene nominata come “gi-ge-ur” (il dono ritorna all'”Ur”), in “Gigur”, il gigante del ghiaccio “distruttore”, che diviene la personificazione della morte e più tardi del diavolo.

    Dalla parola “gigas” (gi-ge-as: il dono esce dalla bocca, dalla fonte) si comprende anche il significato di violino (Geige), che è l”antico strumento magico degli scaldi che dà il segnale d’inizio dei canti, e poiché “canto” (bar) significa anche “vita”, il violino era uno dei tanti ideogrammi (geroglifici, simboli) della rinascita, ed è per questa ragione che viene frequentemente rinvenuto tra le offerte nelle tombe. È per questo motivo che non è detto che la tomba in cui viene rinvenuto un violino debba appartenere a un musico. “Flauti e violini” incitano la gente a danzare, all’eccitazione dell’amore, e furono quindi banditi dalla Chiesa – col suo temperamento ascetico – perché si servivano di strumenti magici per risvegliare negli uomini il fyr (fuoco) dell’amore. Così la Chiesa ha sostituito il simbolo wuotanico del risveglio col simbolo cristiano della “tromba del giudizio”.

    I nomi propri “Gereon” e “Geretrut” (Gertrude) hanno la radice nella parola radicale “ge”, che significa rinascita, e il cui geroglifico, la Testa di Gereon”, assomiglia a un triangolo equilatero composto da tre profili umani. Ma questo Gereon è, a sua volta, il dio incarnato nel Tutto come spirito del Tutto, del Mondo e dell’Uomo.

    E per questa ragione il significato della runa “ge” è il più vicino a quello della runa “fyr-fos”. La differenza tra le due interpretazioni risiede nel fatto che l”idea espressa dalla runa “ge” o “gibor” è l”avvicinarsi essoterico alla comprensione del concetto del divino dirigendosi dal basso verso l’alto – in un certo senso dal livello umano verso l’esterno – mentre la spiegazione fornita dal fyrfos sembra cercare la conoscenza del Dio in modo esoterico scavando nel profondo dell’essere umano – e lo trova; e quando dal punto fisso della “diade biunica-bifidica” lo spirito dell’umanità si sarà unito al Dio, giungerà quindi a una conoscenza certa dall’interno all’esterno, così come dall’esterno verso l’interno. Ancora una volta l’essoterico e l”esoterico vengono distinti chiaramente, e il fyrfos è riconosciuto come un segno segreto esoterico di santità, che viene rappresentata essotericamente dalla runa “ge”. Quindi, mentre la dottrina essoterica insegna che “l’uomo è stato creato da Dio e tornerà a Dio”, la dottrina esoterica esprime “la coesione indivisibile tra uomini e divinità nella forma della diade biunica-bifidica” – e così può affermare coscientemente: “Uomo – sii uno con Dio”.

    Perciò nel canto eddico del “Runatàls-thattr-Odhins” lo scaldo interpreta le singole rune – in forma occultata – e racchiude le “formule magiche” (formule invocatone) in connessione con esse, senza effettivamente comunicarle – quindi preservando il segreto degli scaldi – ma rivelando abbastanza per favorire la riscoperta del loro significato.

    Può concludere confidenzialmente la “Runatàls-thattr-Odhins” con i seguenti versi:

    Ora son finiti i canti di Har,
    nella casa di Har,
    assai utili ai figli degli uomini,
    ma nocivi ai figli dei giganti.
    Salute a chi li cantò!
    Salute a chi li conosce!
    Se ne giovi chi li apprese!
    Salute a chi li ascoltò!

    Tratto dal libro: Il segreto delle rune di Guido von List

    Posted by blacksun-sole-nero @ 1:02

    Tags: , , , , , , , , , , ,

9 Comments to Il segreto delle Rune di Guido von List

    • Beh, capiti proprio di proposito, sto digitalizzando il libro. Appena ce l’ho te lo faccio avere. Il pezzo più significativo lo puoi leggere in questo mio post. Buona lettera!

      • volevo sapere se avevi digitalizzato il segreto delle rune,e se per caso hai notizia di una qualche traduzione della cosmologia glaciale di h. horbirger.grazie

      • al momento sto cercando anche LA COSMOLOGIA GLACIALE di horbirger so’ che fu’ tradotta anche in italiano ma non ho trovato nulla di nulla,se non la gentilezza di DAEMUKADEUM,che mi ha inviato una copia del libro diD.SAURAT,molto interessante dove finalmente si parla del colonnello costantino cattoi,il nostro ricercatore di sculture rupestri e non solo,attendo tue notizie sulla digitalizzazione del segreto delle rune.grazie comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *