• Nazismo esoterico Miguel Serrano su Adolf Hitler e Carl Gustav JungEvola parla di una cospirazione mondiale, che supera il giudaismo e che comprenderebbe elementi non umani. Menziona un principe delle tenebre. Ed in ciò ha ragione. Perché che cosa sono gli archetipi junghiani dell’inconscio Collettivo? Sono entità inumane. Gli antichi li chiamarono demoni e Dei. È la memoria del sangue, per meglio dire, una memoria che circola nel sangue, che opera sulla terra per mezzo del sangue. Non c’è nulla di più misterioso del sangue. Paracelso lo considerava una condensazione della luce. Io credo che il sangue ariano, iperboreo, lo sia, ma non della luce del Sole d’Oro, di un sole galattico, bensì della luce del Sole Nero, quella del Raggio Verde. Non è l'”archivio della luce di Akasha”, bensì di un altro universo. L’archivio akashico appartiene al Nemico. Penetrando la Memoria del Sangue Iperboreo si risveglia la Voce e si recupera il Vril, potendosi rompere il Cerchio dell’Eterno Ritorno. E per questo che gli ariani dell’India Kshatriya brahamanica e dell’Hitlerismo Esoterico cercarono di conservare la purezza del sangue, per “ricordare” meglio e vincere nella Grande Guerra. Altrettanto fanno i giudei, all’estremo opposto con il loro “antisangue”.


    Si comprenderà così che non c’è possibilità d’intraprendere il combattimento contro il Signore delle Tenebre se non si conserva quella purezza di sangue per mezzo del razzismo biologico, pagano, che Evola e i tradizionalisti, per ignoranza dei reali termini del conflitto – anche volendo dire la stessa cosa – rifiutano. II vero razzismo esoterico era quello di Hitler, beninteso, e non il loro. II razzismo di Gunther, di Rosenberg e delle SS iniziatiche. In una parola, il razzismo germanico.

    Come abbiamo visto, con la stessa espressione di “razza ariana” è stato detto tutto. Perché questo termine è esoterico, riferendosi ad un’iniziazione che permette all’uomo di nascere di nuovo, per la seconda volta. II nome “razza ariana” fu scelto e adottato da Hitler. E dall’induismo nell’antichità.

    Le SS stavano conformando veicoli razziali propizi affinché l’archetipo iperboreo dell’Inconscio Collettivo Ariano potesse esprimersi. Facendo rinascere questi veicoli, l’archetipo avrebbe potuto incarnarsi qui giù. Erano i Sonnenmenschen, gli Uomini-Sole, i superuomini, gli uomini-dio, l’uomo-totale, l’uomo-mago. La nuova aristocrazia della razza ariana e non quell’aristocrazia tradizionale degenerata che Evola fa sua e difende (mi dichiaro che non era fascista ne hitlerista e che il suo ideale era Metternich). Formando qui il veicolo di sangue puro, il prossimo passo consisterebbe in un patto di magia bianca con l’Archetipo Iperboreo, un’evocazione o invocazione che renderebbe possibile la sua “incarnazione” nella totalità del popolo ariano, veramente eletto. Una volta raggiunto questo stadio non è possibile ormai quella dicotomia di una “razza del corpo” senza “razza dello spirito”, o senza “razza dell’anima”. Questo viene solamente a prodursi nello stato attuale delle cose, in questo caos razziale, in cui è valido l’esempio tratto a colazione da Evola della “razza del corpo” olandese e danese, che manca di orizzonte e destino, perché non possiede “razza dell’anima” né “razza dello spirito”. Questo esempio non ha rilevanza nella società hitlerista, in cui l’Archetipo dell’Inconscio Collettivo, ariano-iperboreo stava incarnandosi (dovendo raggiungere anche l’Olanda e la Danimarca). II mio sospetto è che all’Hitlerismo Esoterico mancò il tempo per realizzare il Patto di Magia Bianca, di rinnovare quel patto antico con il Dio Archetipico Iperboreo, l’autentico Signore degli Eserciti.

    Comprese così le cose, si capisce che è superflua tutta quella argomentazione “tradizionalista” contro una concezione biologica o materialista inesistente. L’assunto è  profondamente spirituale, metafisico, essendo in relazione con l’incarnazione di un Archetipo Iperboreo sulla terra, tra di noi. Jung psicologizzò obbligatoriamente, già l’abbiamo  detto, un mistero antico: del Tulku, del Boddhisattva, dell’Avatara. Ma Jung ci aiuta a comprendere ed a penetrare il Mistero. È stato l’unico del nostro tempo a riferirsi ad Hitler in  quel modo, sebbene dopo la guerra, che anche egli perse, abbia voluto smentirsi, facendo dimenticare ciò che disse con dichiarazioni contraddittorie e poco felici. Meglio sarebbe  stato serbare il silenzio.

    Non c’è maniera di intendere la grande guerra senza scalare verso queste posizioni, raggiungendo queste distanze con l’analisi. Da li, inoltre si può sapere da che parte stiamo. E se  abbiamo scelto bene o male, ammesso che qui ci sia la possibilità di una scelta cosciente.

    Quando Hitler affermo che “la razza dello spirito (l'”allevamento razziale”) era più solida e duratura di una razza puramente biologica”, ponendo come esempio lo stesso giudeo – “il  più lontano degli animali sulla terra” -, forse stava riferendosi a quella stessa cosa, a quel “Patto” che egli non arrivò a realizzare pienamente: “La mancanza di tempo non ci ha  permesso di realizzare pienamente i nostri sogni e per la stessa cosa, i risultati di questa guerra saranno conseguenti” (si veda “II Cordone Dorato”). Non pote fare di più che  vincere perdendo, per ora.

    Lo ripetiamo, disgraziatamente Julius Evola non comprese il favore enorme che Jung faceva all’uomo ariano con la sua concezione dei due Inconsci Collettivi, gli strumenti  preziosissimi che aveva offerto all’Hitlerismo Esoterico. Neppure comprese l’Hitlerismo Esoterico. Forse, fu troppo vicino all’Avatara nello spazio, oltre che nel tempo. Era tanto  grande l’energia che emanava dal suo vortice, che l’adorazione o il rifiuto si rendevano possibili, mai l’indifferenza. Sono necessari umiltà e distacco volontari dall’io per poter essere  un seguace incondizionato del Fuehrer Prinzip, concezione essenzialmente ariana e che emerge soltanto dal più profondo della “memoria del sangue”. Evola fini col rifugiarsi nella distanza del tradizionalismo integrale e di un aristocraticismo di classe più che di razza.

    I giudei, al contrario, com’era logico, compresero all’istante il pericolo che implicava la concezione junghiana. Non potendo disfarsi di Jung, lo emendarono, d’accordo con i suoi familiari e discepoli, facendo sparire dalla sua opera la teoria dei due Inconsci Collettivi, in modo che ormai non si sarebbe piu ritrovata. A causa della menzione che si fa nel libro del professor McGuire, “Jung Speaking”, in cui si riproducono le interviste nelle quali si riferisce ad Hitler, quest’opera non fu pubblicata dagli editori di Jung a Londra. In quel libro si da grande spazio alle mie conversazioni con il professore svizzero.

    Allo stesso modo in cui Toynbee aveva trovato una spiegazione per la nascita della civiltà storica nella concezione junghiana degli archetipi, anche questa potrebbe servire a penetrare il Mistero della corruzione e perdita di Paradesha, dell’Iperborea Polare, dell’età Dorata e del Crepuscolo degli Dei ariani. Dobbiamo cosi risalire meglio alla visione platonica, ricordata da Weininger nel riferirsi al giudaismo.

    II mondo perfetto delle origini corrispose e corrisponderà all’espressione in un punto determinato dell’Universo, in un modo simultaneo, ubiquo, di un Dio della Luce del Sole Nero. Più probabilmente degli Dei del Raggio Verde, perché gli stessi uomini erano Dei. La razza iperborea, discesa o caduta dall’aldilà degli astri, attraverso una Stella. Le più antiche tradizioni, leggende e miti si riferiscono ad un combattimento che si sarebbe realizzato fuori di questo mondo ( Nicolas Berdiaeff parla di un “Prologo alla Storia Terrestre” ) e ci si dice perfino che il Gral sarebbe la Pietra caduta dalla Corona di Lucifero, rotta nel suo combattimento stellare (Otto Rahn). Lucifero, cosi, sarebbe stato uno di quegli Dei della Luce del Sole Nero, significando il suo nome Luce Più Bella, esattamente, Luci-Bel, come lo chiameranno i Catari.

    Sarebbe entrato dalla Stella del Mattino, Venere, Oiyehue, come gli araucani chiamavano questa Stella. La falsificazione che è stata fatta nella Genesi e nel cristianesimo ci presenta Lucifero come ciò che non è. Anche qui non posso accettare la concezione evoliana dei titani, che fa apparire Prometeo e Lucifero, i giganti dei tempi antichi, come protagonisti di una ribellione malefica. È la concezione giudaica, che i giudei hanno fatto trionfare, con la loro interpretazione della lotta di Davide e del gigante Golia, che, senza dubbio era un ariano amorita, un essere nobile e ingenuo.

    Così come c’è un Archetipo Iperboreo, un Dio del Sole Nero, c’è anche un Caos. Un Signore delle Tenebre galattiche, che trascina verso il nulla e che, nei mondi paralleli, ingaggia la sua Grande Guerra contro i Figli della Luce Iperborea. Qui sulla terra l’ha fatto attraverso i suoi seguaci, avvalendosi dapprima di ciò che si chiamerà sconfitta e caduta. La sconfitta degli “angeli che s’innamorano delle figlie degli uomini”, dell’animale-uomo, dell’essere esclusivamente terrestre. E` questo il “peccato originale”. Un Peccato Razziale.

    Il sangue perde la sua purezza, e, nel perderla, cessa di essere il veicolo più appropriato affinché l’Archetipo degli Uomini-Dei, dei Divini Iperborei, possa esprimersi pristinamente. Ecco la sconfitta, l’inizio della perdita di Paradesha, di Avalon, di Thule, dell’Iperborea Polare. I Divini arrivati sulla terra, come sconfitti in un combattimento stellare, o come colonizzatori, gli angeli di cui ci parlano il Libro di Enoch e le piu vecchie saghe irlandesi e nordiche, i Tuatha de Dannan, i Nephelim della Genesi, i Vani, gli Asi, i Korava, i Pandava dell’induismo ariano, che insegnano le arti della civiltà ai figli degli uomini, soltanto attraverso il loro sangue puro avrebbero potuto continuare ad essere in contatto con l’Archetipo iperboreo del loro Signore, del loro Re, o Führer, extra-cosmico e mantenere limpida la loro memoria tra di essi, eternamente viva. La mescolanza rende impuro questo sangue ed obnubila quella memoria.

    Le guerre di cui ci parlano gli Edda ed il Mahabharata, forse furono guerre punitive, di castigo di quelli che avevano trasgredito la legge razziale divina, guerre dei Vani contro gli Asi, dei Korava contro i Pandava. Della Razza Solare contro la Razza Lunare, dei Suryavansa contro i Chandravansa.

    II Signore delle Tenebre, il Principe delle Ombre, il Nemico della Luce, il Rappresentante del Caos, ha trovato il modo di disintegrare il Cosmo Iperboreo, trascinando i divini alla mescolanza con le figlie della terra, con l’animale-uomo. Ecco il giudeo.

    Ed ecco la Grande Guerra dei Mondi, che non avrà fine. Guerra di Siddha Iperborei e di Demoni. L’incarnazione del Signore delle Tenebre non si compie attraverso una razza, bensì un’antirazza e una controiniziazione, per usare un’espressione di Rene Guenon. Questa antirazza, tuttavia, pratica una politica, scientifica e saggia, assolutamente rigorosa, in modo che al cospetto di essa le disposizioni razziali hitleriste diventano un gioco da bambini. In ogni caso furono di applicazione recente, mentre i giudei le vanno praticando da millenni, come un codice religioso razzista dettato dal loro Archetipo e confermato in un Patto di Magia Nera, che comprende sacrifici sanguinosi, come miglior modo di arrivare a rendere effettivo questo Patto. La comunicazione si mantiene spedita nell’antisangue grazie ad alcune misteriose disposizioni “eugenetiche” e “razziste”. È così l’antireligione di un antisangue. Un’oscura teo-etnologia.

    Il maestro mi disse:
    Hitler è un essere straordinario. Non è esistito al mondo un uomo con la volontà di Hitler. È l’essere dalla volontà assoluta ( Shudibudishvabhaba ). Hitler l’ho visto in astrale e lui pure mi ha visto. Hitler ha la capacita di trapassare volontariamente l’astrale.

    Questo si ottiene unicamente grazie all’iniziazione. E quando non è così si è arrivato a questo mondo volontariamente per compiere una missione, si è un essere altamente evoluto, un Boddhisattva, un Tulku. In questo caso non si ha bisogno di un’iniziazione, poiché si è l’incarnazione di una divinità. È possibile che Hitler lo sia”.

    II Maestro faceva sempre uso di parole sacre per riferirsi a temi sacri. II Professor C.G. Jung, dovendo muoversi nel mondo profano delle scienze attuali, della psicologia, tratto questo stesso tema da un punto di vista scientifico. Ma fece dichiarazioni su Hitler assolutamente straordinarie a H. R. Knickerbocker, in un’intervista che apparve pubblicata in Hearst International Cosmopolitan, a New York, nel gennaio del 1939.

    Ecco ciò che disse Jung:

    Hitler è un vaso spirituale, una semi-divinità; ancor meglio, un Mito. Mussolini è un uomo e, conseguentemente, nell’Italia fascista ogni cosa ha un carattere più umano che nella Germania nazista, in cui le cose si danno per rivelazione. Come uomo, Hitler appena esiste. In ogni caso, egli sparisce dietro il ruolo. Io ho visto il Duce ed il Fuehrer insieme, quando Mussolini restituì la visita ufficiale. Ebbi la buona sorte di trovarmi a pochissima distanza da essi e potei così studiarli bene. Vidi Mussolini rallegrarsi come un bambino con il passo da parata dei militari tedeschi ( goose step, “passo dell’oca” ) e con il galoppo della banda militare di cavalleria, in cui i suonatori di timpani dirigono i cavalli solo con la pressione delle loro gambe, poiché hanno le mani occupate a suonare grandi tamburi ( noi, in Cile, lo conosciamo bene, o lo conoscevamo, poiché la nostra cavalleria faceva lo stesso e la nostra fanteria ancora marcia con il goose step, per fortuna ). Mussolini non nascondeva la sua emozione estetica allo spettacolo e, nel tornare in Italia, impose il goose step all’esercito italiano. In verità, questo passo di marcia è il più impressionante che si possa vedere. In confronto a Mussolini, Hitler mi diede l’impressione di una sorta di armatura (“scaffolding”), di un’impalcatura di legno coperta da vestiti, un automa con una maschera, come un “robot”, o con la maschera di un “robot”. Durante tutta la cerimonia della parata militare mai sorrise; si mantenne schivo. La sua espressione era inumana, quella di un essere con un proposito continuo, senza senso dell’humor! (L’humor. Qualcosa di cui fanno tanto uso gli esseri del Kaliyuga, ed il Demonio…). Hitler pareva il doppio di una persona reale come se Hitler, l’uomo stesse dentro, come un’appendice, deliberatamente occultato per non turbare il meccanismo.

    Che straordinaria differenza tra Hitler e Mussolini! Con Mussolini uno sente che si trova vicino ad un essere umano. Con Hitler uno si spaventa (“scared”). Si sa che mai si potrà conversare con quell’uomo, perché non c’è nessuno li. Non è un uomo, è una collettività. Non è un individuo è tutta una nazione (un Tulku, con parole antiche e sacre). Io accetto come letteralmente vero che egli non abbia amici personali. Non ci si può spiegare Hitler mediante un contatto personale, come non si può spiegare un’opera d’arte esaminando la personalità dell’artista. La grande opera d’arte è il prodotto di tutto il mondo in cui l’artista vive e dei milioni di persone che lo circondano e delle mille correnti di pensieri… Mussolini può trovare un successore; ma non vedo chi possa rimpiazzare Hitler. Hitler non si può sposare. Se si sposasse, cesserebbe di essere Hitler. Non mi meraviglierei se egli avesse sacrificato la sua vita sessuale per la causa”.

    Tutte queste dichiarazioni di Jung sono tanto eccezionali che dovremo tornare più di una volta su di esse.

    Continua Jung:

    “La vera passione di Hitler è la Germania. Questo significa, a sua volta, che egli è dominato da un’Idea. L’idea è sempre femminile. La mente è una donna, perché la testa, il cervello, è creatore, come il seno materno. L’inconscio dell’uomo è femminile (anima), quello della donna, maschile (animus). Hitler non ha ambizioni personali. Le sue ambizioni vanno molto aldilà dell’uomo corrente. II potere di Hitler non è politico, è magico. Per intendere questo termine è necessario sapere che cos’è l’inconscio. È la parte della nostra costituzione mentale sulla quale non abbiamo quasi nessun controllo, che contiene pensieri ed anche conclusioni di cui non siamo coscienti… II segreto di Hitler non è che lui abbia un inconscio più pieno di pensieri e ricordi rispetto a quello degli altri uomini, ma il suo segreto si trova nel fatto che il suo inconscio ha uno straordinario accesso alla sua coscienza e che gli permette di dominarla e muoverla (il Maestro diceva: “Volontariamente trapassa l’energia al corpo astrale”). È come un uomo che ascolti attentamente una sussurrante voce che arriva da una misteriosa fonte. Ed opera in accordo con essa. Noi abbiamo troppa razionalità per obbedirle. Ma Hitler l’ascolta ed obbedisce.

    II vero leader è sempre guidato. Lo stesso Hitler si riferisce alla sua voce. Per questo ha sempre ragione sui suoi consiglieri e sull’opinione degli osservatori stranieri. Questo perché l’informazione accumulata dal suo inconscio e che arriva alla sua coscienza, per mezzo del suo eccezionale talento, è più corretta di tutti quelli che arrivano a conclusioni diverse dalle sue. Hitler non può smettere di obbedire alla sua Voce. Quando annuncio al “Palazzo dello Sport” l’invasione della Cecoslovacchia, la voce dell’Hitler umano tremò. Quale uomo non avrebbe sentito paura in quel momento, nel prendere la decisione che avrebbe potuto compromettere il destino di milioni di persone? Tuttavia, la Voce gli ordinava di andare avanti. E lui doveva obbedirle.

    Hitler è come Maometto, il Messia della Germania, che insegna la virtù della spada. Lo spirito della Germania ariana deve essere appoggiato dalla spada… Il carattere religioso dell’Hitlerismo è posto in rilievo dal fatto che le comunità tedesche attraverso il mondo hanno adottato l’hitlerismo, nonostante stiano tanto distanti da Berlino. Guardiamo il Sudamerica, specialmente le comunità tedesche in Cile. Se Hitler parla gridando si deve al fatto che deve fare così, perché attraverso di lui si esprime L’inconscio collettivo della sua razza. La sua voce è, perlomeno, quella di settantotto milioni di tedeschi. Deve gridare anche in una conversazione privata… La Voce che egli ode è quella dell’inconscio collettivo, specialmente quella dell’inconscio collettivo della sua razza; ma anche di molti milioni di inglesi, francesi e persino cechi, che sentono ammirazione per lui, oltre il timore”.

    Nel giornale, “The Observer” di Londra, del 1936, Jung dichiara:
    “La politica tedesca non è fatta, è rivelata attraverso Hitler. Lui è la voce degli Dei… Hitler governa attraverso rivelazioni. Per questo la sensibilità esagerata dei tedeschi davanti alla critica o all’attacco al loro leader. È una blasfemia per essi, perché Hitler è il loro Oracolo. Quando Hitler fu pressato da altre nazioni affinché non si ritirasse dalla Lega delle Nazioni, si ritiro per tre giorni nel suo rifugio e, dopo, senza nessuna spiegazione, disse: “La Germania deve ritirarsi”.

    Questa è una rivelazione. In Germania si lavora oggi per la creazione di un’aristocrazia. Le SS stanno per essere trasformate in una casta di cavalieri (come i Cavalieri Teutonici ed i Templari) che governeranno sessanta milioni di tedeschi… Senza l’idea di un’aristocrazia non c’è possibile stabilità. Voi in Inghilterra dovete ai gentleman il possesso del mondo”.

    Mai nel nostro tempo, con il linguaggio del nostro tempo, si è scritto così su Hitler, nessuno ha analizzato con questa capacità di penetrare le profondità. Voglio pensare che Jung non pote andare ancora più lontano, perché si perse la guerra. In questo modo si trovava impossibilitato a sviluppare nella giusta misura la sua teoria dei due Inconsci Collettivi, del sonnambulismo di Hitler e della voce che lui ascoltava.

    Anche sull’inconscio femminile dell’uomo e sull’inconscio maschile della donna. Voglio credere che Jung sapesse, poiché forse da li lo dedusse, che l’inconscio collettivo non è niente di più che la “memoria del sangue” degli antichi Minnesaenger, dei trovatori iniziati germanici che la cantavano; la Minnetrinchen, o i Minnetrinker che la bevevano; o la Mannerbunde, l’ordine dei camerati che se la scambiavano. È la Spada chiamata “Memoria del Sangue” dei Cavalieri del Gral.

    Perché la “Memoria del Sangue” è il fiume delle immagini che circolano eternamente nella luce del Sole Nero e si riproducono nel corpo astrale. Questo, e non altro, è ciò che Jung ha denominato con parole del gergo della psicanalisi giudaica, di cui voleva liberarsi nella sua rottura con Freud.

    Nello stesso modo l'”inconscio femminile” e l'”inconscio maschile”, Vanimus e Yanima sono traduzioni in un linguaggio organico di ciò che gli esoterici vanno affermando da sempre, che il “corpo del desiderio” dell’uomo è femminile e quello della donna, maschile.

    In quanto alla possessione di Hitler da parte di un Archetipo, la sua analisi, acquista un’importanza senza limiti.

    Jung dice:
    “Sembra essere il doppio di una persona reale, come se Hitler, l’uomo, stesse dentro, come un’appendice, deliberatamente occultato, per non perturbare il “meccanismo”.

    Qui c’è permesso, grazie a questa eccezionale descrizione di un uomo che vide Hitler da molto vicino, come ci dichiara, di poter collegare la sua analisi con le riflessioni che sulla manifestazione dell’Archetipo iperboreo siamo venuti facendo in queste pagine.

    Chiariamo che lo stesso termine l’abbiamo tratto da Jung, dall’inizio, con la speranza di raggiungere questo punto in cui ora ci troviamo. Come a tutto ciò che precede preferiamo dare anche a questo termine il suo significato antico, di idea, o entelechia, con il significato che ebbe per Platone. E andare ancora più lontano, identificandolo con gli Dei del germanesimo, come in realtà intendiamo quella “espressione dell’Inconscio Collettivo Ariano”, cioè della “Memoria del Sangue Ariano”. II Dio degli ariani si starebbe esprimendo attraverso Hitler grazie al fatto che egli, premeditatamente, sparisce come individuo, come uomo, come essere umano, per incarnare quel Dio, per lasciare che parli, per ascoltare la sua Voce, nel “suo sangue” e permettere che Lui lo manipoli per mezzo dello “strumento dei suoi geni”, per così dire.

    Hitler, avvalendosi della tecnica di un’iniziazione, sparisce come un’appendice, si occulta a se stesso, per non perturbare il “meccanismo” della rivelazione.

    Perciò, il mio Maestro diceva che Hitler era un iniziato. Perché questo e non altro è l’iniziazione. Scoprire la chiave, la scienza che permetta di essere posseduto dal “proprio” Dio. Morire affinché Lui viva. Ed è molto probabile che quel Dio siamo noi stessi, il corpo astrale con un volto, il figlio dell’uomo. Non un “io”, molti: NOI. Perciò Hitler anche sarebbe un Dio e se Jung non lo riconobbe, io si.

    È triste che ci possa accadere ciò che accadde al pastore che cercava Krishna attraverso le valli e le cime Himalayane. Un giorno, Krishna passo vicino al pastore e il pastore non lo riconobbe e perciò egli cantava, singhiozzando: “ho perso il mio cuore nel cammino e non l’ho trovato mai più”.

    Jung non si sbaglio quando affermò che Hitler avrebbe potuto impressionare altri popoli, oltre i tedeschi, poiché rappresentava l’inconscio Collettivo ariano (intervista di Howard L. Phip in The Psicologist, di Londra nel maggio del 1939). Altri uomini sono egualmente impressionati dalla sua presenza. Già a suo tempo, abbiamo visto che fu così; stranieri che non intendevano il tedesco furono letteralmente trascinati dai suoi discorsi. Uomini e donne inglesi, americani, francesi, belgi, sudamericani.

    Léon Degrelle non era tedesco, ne Doriot, ne lo stesso Mussolini. In quanto al Cile, sarebbe errato affermare che soltanto le minoranze tedesche nel sud furono sue seguaci. Già abbiamo visto quello che accadde al nazismo cileno, al brasiliano e a tanti altri. Senza andare molto lontani, a me stesso. E in Norvegia, a Knut Hamsun e nel Nordamerica, a Ezra Pound. Questo, mentre Hitler stette sulla superficie della terra.

    Oggi, dopo quaranta anni dalla sua scomparsa. La sua figura si ingigantisce nel mito nonostante ciò che si fa per evitarlo. Anche quelli che l’attaccano l’ammirano, poiché questo attacco è una forma del fascino. Ed e su questo punto che bisogna soffermarsi, poiché non ha altra spiegazione razionale.

    Se Jung pote credere, a volte che l’hitlerismo rappresentasse solo una religione nazionale della Germania, si è sbagliato, poiché la sua “religione” è di carattere universale. Ha tutti gli ingredienti mitici ed archetipici di ciò, come andremo comprendendo. II popolo tedesco è soltanto il suo migliore veicolo.

    Nulla si può contro di esso. Lo stesso elemento dell’origine del Cristianesimo ci illumina. I romani fecero tutto il possibile per evitare il contagio. Fu invano.

    Anche Jung, nella stessa intervista che abbiamo riprodotto in parte, stabilisce un paragone tra il popolo giudaico e quello tedesco:


    “I giudei, dopo la prima schiavitù di Babilonia e più tardi, con la minaccia romana di farli sparire dalla terra, sviluppano un “complesso d’inferiorità” – secondo Jung – e “inventano come compensazione l’idea di un Messia, che verrà a consegnare ad essi i frutti di questo mondo. Anche i tedeschi, arrivati tardi alla spartizione di colonie, dello “spazio vitale”, ed umiliati a Versailles, sviluppano un simile sentimento di fronte ad inglesi e francesi, che si sono spartiti il mondo. Hitler è il Messia che promette ad essi ciò di cui sono ansiosi, che pone un balsamo sul loro sentimento di postergazione”.

    È strano che una persona come Jung non sia stata capace di staccarsi da quella tendenza giudaica di tentare di spiegare ciò che è in alto per mezzo di ciò che e in basso, il grande per mezzo del piccolo, riducendo i livelli. In questo non c’è molta differenza tra lui e Freud, che pretendeva di trovare la causa della bellezza sublime della pittura di Leonardo (il pittore-mago) in un complesso di Edipo, o in tendenze occulte omosessuali.

    Jung non pote distaccarsi dall’invenzione freudiana e giudaica del subcosciente organico psichico, quella costruzione diabolica della fine del secolo XIX e degli inizi del secolo XX, che riduce tutto di livello. Quanto più appropriato sarebbe stato riferirsi ad un Supercosciente, che elevi tutto, trattandosi del mondo della Divinità, degli Dei e degli archetipi iperborei. Nel mio libro “II cerchio ermetico”, tocco questo tema in una conversazione con la dottoressa Jacobi.

    Denis de Rougemont, autore di quell’importante libro “L’Amour et I’ Occident”, ha visto con totale esattezza il fenomeno Hitler. Egli scrive le seguenti righe straordinarie:

    “Alcuni hanno pensato, per avere sentito in sua presenza una specie di brivido di orrore sacro, che lui sia il seggio di una dominazione, di un trono, di una potenza, come San Paolo chiamo gli Spiriti di secondo rango, che possono penetrare nel corpo umano ed occuparlo, come un’arma-tura. L’ho ascoltato pronunciare uno dei suoi grandi discorsi. Da dove gli viene il potere sovrumano che esprime? Un’energia di quella natura, lo sappiamo molto bene che non appartiene all’individuo, come parimenti, non si potrebbe manifestare se l’individuo continuasse a contare e non ci fosse il sostegno di una Potenza che sfugge alla nostra comprensione e si sovrappone alla nostra psicologia. Ciò che dico sarebbe un romanticismo della più bassa qualità, se l’opera realizzata da quell’uomo – beninteso, da quella Potenza attraverso di lui – non fosse una realtà che provoca lo stupore del secolo”.

    E Goebbels dichiara, riferendosi al suo Fuehrer:

    “Chi può vantarsi di averlo visto com’è realmente? Egli si muove nel mondo dell’assoluta Fatalità. Nessun’altra cosa ha senso, ne il bene, né il male, né il tempo, né lo spazio. Quello che lui è l’ignoro. È realmente un uomo? Io non potrei assicurarlo. Ci sono momenti che mi produce spavento…”.

    È così. L’archetipo iperboreo elegge i mezzi più adatti affinché il suo intervento in questo mondo abbia efficacia. Prepara, monta il suo “macchinario”. Niente di più adatto per l’espressione di un archetipo dell’inconscio collettivo ariano – per continuare con la terminologia junghiana – che il popolo di razza germanica con il suo sentimento di postergazione come suo motore dinamico.

    Hitler stesso lo disse:
    “Se avessi trovato un altro popolo più adatto di quello tedesco, sarei andato li. Con tutti i suoi limiti è il migliore”.

    In termini antichi, con parole sacre, che usava il mio Maestro: si tratta dell’incarnazione dell’Avatara di Vishnu, di Shiva, o, più esattamente, di Wotan. Del suo avvento per lavorare tra i Vira, tra gli eroi.

    Posted by blacksun-sole-nero @ 17:14

    Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

5 Comments to Miguel Serrano su Adolf Hitler, Julius Evola e Carl Gustav Jung – Adolf Hitler: l’ultimo Avatara

    • Salve,

      mi fa piacere sentire che si interessa a Miguel Serrano, i suoi libri sono un pozzo di sapere, non solo per quanto riguarda il nazismo.

      Io leggerei, come già detto: Noi, il libro della resurrezione, il cordone dorato – hitlerismo esoterico e infine Adolf Hitler: l’ultimo Avatara

      • Grazie mille!
        Ho letto che “Noi, il libro della resurrezione” completa i libri sull’amore magico.

        Mentre sul hitlerismo esoterico ho letto che l’ordine inizia come dici tu, “Il cordone dorato”, poi i due “L’ultimo avatara” e infine “Manu, per l’uomo che verrà” conclude la serie.

        Almeno è quanto ho sentito altrove…

        Infatti ho ordinato proprio questi 4 e ho già iniziato il cordone dorato…

        Non vedo l’ora di divorare il tutto 🙂

        • Va benissimo, leggerei comunque prima noi, il libro della resurrezione perché lo cita spesso in Hitlerismo esoterico e Adolf Hitler l’ultimo Avatara.

          Una altra cosa che farei, è dare un occhiata alla bibliografia in “Il cordone dorato – hitlerismo esoterico” dove può trovare più informazioni.

          Le auguro una buona lettura.

          Sole Nero

Rispondi a kamov Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *