• Apollonio di Tiana - Il tempio di Wotan. Traduzione in italianoIn realtà la morte non esiste che in apparenza, anche se non vi è nascita alcuna, è solo un apparenza. Il passaggio dall’essenza alla sostanza sembra essere la nascita e il passaggio dalla sostanza all’essenza sembra essere la morte, ma in realtà non si è mai nati né mai morti. Si tratta semplicemente di rendersi visibile tramite la densità della materia e quindi invisibile per la sottigliezza dell’essenza. L’essere è sempre lo stesso, l’unica differenza sta nel fatto che l’uno è in movimento e l’altro in riposo. L’essere ha questa particolarità necessaria, il suo cambiamento è determinato da nulla di esterno a sé; tutto diventa parte e le parti diventano il tutto nell’unicità del tutto. – Platone

    In questo mondo la gente si è preoccupata per troppo a lungo degli adepti spirituali al punto dare loro troppa importanza. Tutti i rappresentanti della verità e la saggezza divina, senza eccezioni, sono stati illuminati messaggeri e maestri spirituali con vari livelli di sapere e abilità distinte. Nonostante ciò rimangono degli umani con delle limitazioni dovute al fatto di possedere un corpo fisico e come tali non dovrebbero essere venerati come degli Dei in terra.

    Durante il corso della storia si è dimostrato che le persone comuni tendono a seguire il gregge e che non hanno nessuna idea sul cosa sia la verità e la vera spiritualità. Né sono disposti a investire del tempo e fare un serio sforzo personale per portare avanti le proprie convinzioni. Perché dovrebbero farlo? Le chiese sono già costruite, la loro autorità stabilita e milioni di persone – compresi tutti i parenti ( genitori e nonni ) – non potrebbero mai sbagliarsi. E, naturalmente, come potrebbe osare qualcuno di pensare di mettere in discussione l’assoluta e suprema autorità della Chiesa! Non avete imparato qualcosa?

    Il clero è più saggio di te e ha il diritto di rispondere alle domande e decidere per tutti gli altri! Se dicono che il mondo ha 6000 anni, devi, per Dio, crederci e non mettere in questione la cosa o verrai bruciato vivo per l’eternità nell’inferno con il resto dei pagani e degli eretici.

    Alcuni tra i più grandi saggi e maestri spirituali dei tempi, che hanno camminato su questo terra, che siano nati in famiglie ricche e potenti o povere, decisero coscientemente di passare la loro vita e attraverso la storia non facendosi tentare dalle tentazioni terrene. I veri maestri spirituali gnostici non sono venuti in questo mondo per diventare lucrativi o dei divi di Hollywood come molti evangelisti egocentrici e motivati da sentimenti di vanità dei nostri tempi. I maestri spirituali aspirano in modo altruista ad elevare il pensiero dell’umanità dando alla gente una vera concezione del senso della vita, dell’universo e delle dimensioni superiori.

    È il messaggio che conta prima di tutto, e non solo fare, ma essere, non importa se l’adepto passa attraverso questa vita da grande insegnante o come un vagabondo apparentemente senza meta.

    Vi è immensa ricchezza e potere nel business delle religioni organizzate, come si può facilmente osservare dalle migliaia di illustri e imponenti templi, chiese e cattedrali sparse per il mondo. E nessuno lo sa meglio delle persone e dei governi che inventano e manipolano le religioni organizzate. Inventare, che dici? Sicuramente ora, si va troppo lontano! No, in realtà, dobbiamo fare molto di più se vogliamo spezzare le pesanti catene dell’ignoranza incommensurabile dell’uomo. Cerchiamo di non perderci in piccolezze e passiamo subito alla più grande macchina di manipolazione di tutti i tempi, il cosiddetto “Santo dei Santi”, il cristianesimo.

    Il primo secolo della nostra epoca fu un tempo molto tumultuoso riguardo al potere della Chiesa e dello Stato. L’impero romano stava rapidamente perdendo la sua presa sui culti statali e le istituzioni religiose nazionali. Era evidente che se Roma ( chiaramente la religione cristiana è una cospirazione ebraica, non romana. I romani hanno a causa di questa “religione” perso l’impero. Nota mia. ) avrebbe inteso continuare a esercitare controllo religioso, allora avrebbe dovuto stabilire una religione importante, una chiesa universale, che sarebbe stata in grado di consolidare le religioni esistenti, e allo stesso tempo avrebbe diffuso lo spirito ardente e indipendente tra la popolazione di liberi pensatori. La parola “cattolico”, è interessante da notare, vuol dire universale, e il dominio del mondo e il potere fu da sempre l’obiettivo del Vaticano. L’universalismo è uno dei tanti strumenti del tiranno per raggiungere tali fini.

    Nella città della Cappadocia greca di Tiana, il 16 di febbraio del secondo anno d.C., nacque un bambino dal nome di Apollonio. Diventò presto evidente che non si trattava di un qualsiasi bambino, ma di un bambino che possedeva doti eccezionali e poteri psichici. All’età giovanile di 14 anni aveva così distanziato i suoi insegnanti da cui era stato mandato per completare la sua formazione; all’età di 16 anni frequentava il tempio di Aegae (Acaia). In questo stesso anno aveva ottenuto i voti come pitagorico e si era già guadagnato una reputazione effettuando notevoli miracoli. Apollonio fu noto per avere una presenza fisica impressionante e tollerante mentre cresceva in maturità.

    Come Pitagora, Apollonio viaggiò molto nei suoi anni giovanili per fare pellegrinaggi ai molti templi religiosi e visitare le scuole misteriche. Quando viaggiava veniva spesso accompagnato dai suoi discepoli più vicini, uno dei quali si chiamava Lucio. A seconda della lingua, il nome Lucius, è pronunciato Lucas o Luca. Luca (Lucio) è stato il trascrittore della vita di Apollonio, come indicato da Damas, che era il più amato discepolo di Apollonio.

    Se questa storia di vita sta cominciando a sembrare un po’ familiare, e dovrebbe, è perché fu dal personaggio e dalla reale vita di Apollonio, che l’immaginario Gesù fu così abilmente creato. Fino ad oggi non vi è ancora uno straccio di prova storica, che prova che un reale personaggio dal nome di Gesù, il Cristo, sia mai esistito. Tutta Roma sapeva di Apollonio, e avevano notato anche un altro mistico che viveva in quello stesso periodo, il quale sarebbe stato registrato.

    Gli imperatori romani miravano a trovare persone che avevano la reputazione di essere in grado di fare miracoli. Apollonio fu consultato da non meno di cinque imperatori, vale a dire: Nerone, Vespasiano, Tito, Domiziano e Nerva. Il prototipo da cui la figura di Gesù è stata creata è praticamente Apollonio, e non un Gesù storico.

    Fu nell’anno 325 d.C. che la figura di Gesù fu inventata dal Consiglio di Nicea, e fu proprio in questo momento che il cristianesimo fu ufficialmente creato e stabilito dallo Stato. Il periodo che va dal primo secolo a l’anno 325 d.C., fu conosciuto come “il tempo della venuta di Cristo” – Cristo, che è un titolo che significa “l’unto”. Per la durata dei primi tre secoli si parlava solo di una “venuta di un Cristo.” Il nome e le gesta di un cosiddetto Gesù, non erano stati determinati fino al Concilio di Nicea.

    La religione cristiana è praticamente una copia di circa 16 religioni del passato già molto antiche a quei tempi.

    In primo luogo, fu il dio solare celtico Iesa ( latinizzato Jesu ) che fu adottato dalla Chiesa romana a Nicea. A questo Consiglio i rappresentanti di tutte le parti dell’Impero Romano, si dice che abbiano incontrato l’imperatore Costantino per formulare una politica della chiesa, un credo unificato, e di stabilire un culto che avrebbe portato tutte le persone sotto un solo capo spirituale. L’adozione di tali misure avrebbe immediatamente aumentato il potere della Chiesa, così come assicurato la devozione e la venerazione del popolo per la persona dell’Imperatore a cui attribuivano potere divino. La realizzazione di questa politica si aspettava di essere di grande beneficio per la Chiesa e per lo Stato, e che avrebbe consentito all’imperatore di unificare in un tutto unitario i vari popoli dei diversi paesi e culture che comprendevano l’Impero.

    Dopo questo Consiglio, il primo atto dei Padri della Chiesa, fu quello di bruciare tutti gli scritti che trovarono, in particolare quelli dei primi tre secoli dell’era cristiana, specialmente quelli in cui Apollonio veniva venerato come leader spirituale del primo secolo. Fu per questo motivo che le biblioteche antiche furono bruciate, comprese tra queste, la famosa e insostituibile Biblioteca di Alessandria. Saltò poi fuori che il bibliotecario capo di Alessandria fu avvertito in tempo riguardo alla trama e fece segretamente rimuovere alcuni degli scritti più stimati che inviò in Arabia per essere li custoditi.

    Recentemente nel 20º secolo, quando vennero scoperti i Rotoli del Mar Morto, il governo israeliano ne prese subito il possesso al fine di tenere lontane queste informazioni dall’opinione pubblica.

    Il libro all’inizio del 4º secolo dal titolo “LA VITA di Apollonio” dello storico Filostrato, venne riscoperto soltanto nel 1501 dell’era cristiana. La prima traduzione in inglese non fu disponibile fino all’anno 1680. Tredici anni dopo la traduzione in inglese, il traduttore Charles Blaunt fu condannato dalla Chiesa e un ulteriore pubblicazione fu vietata. Nel 1809, Edward Berwick, fece una nuova traduzione in inglese del volume ma la Chiesa confiscò e fece bruciare il libro così velocemente che nel 1907 non si trovava più una copia della traduzione.

    Nel 1582, papa Gregorio XIII, progettò il nuovo calendario che venne adottato dall’Inghilterra e l’America nel 1752. Il calendario gregoriano impose ufficialmente il dominio politico e sociale “cristiano,” che designa la nascita di Gesù all’anno 1 d.C., Anno Domini, l’Anno del Signore.

    In poche parole, il cristianesimo è una religione progettata dall’élite al controllo, con il preciso scopo della manipolazione totale mondiale delle masse. E ogni istituzione religiosa nel corso dei secoli, che in qualche modo sembrava essere in conflitto con questa idea, doveva essere distrutta. Per questo motivo, i culti misterici sono stati soppressi, e l’iniziazione ai misteri esoterici antichi o erano proibiti, in modo che nessuna istituzione religiosa, di culto o pratica, avrebbe potuto esistere che avrebbe allontanato gli uomini dalla Chiesa di Stato romana. I pagani divennero l’obiettivo primario, per il fatto che le loro menti da liberi pensatori non avrebbero mai aderito a una mera chiesa politica e idolatra, le cui dottrine erano, per lo più, destinate a creare una moltitudine di ignoranti. Tali menti non potevano essere dominate da un sacerdozio politico o mercenario.

    La religione secondo Apollonio non era solo una fede ma anche una scienza.
    Secondo lui, gli spettacoli delle cose non erano che delle apparenze mutevoli; culti e riti, religioni e fedi, erano tutti uno per lui, purché gli spiriti giusti erano dietro di loro.

    Tra le maggiori capacità miracolose di Apollonio vi erano: prevedere il futuro, vedere a distanza e nel passato, avere visioni, curare i malati o casi di ossessioni o possessioni.

    Come tutte le grandi religioni pagane, l’oggetto del suo culto fu sempre il “sole”, vale a dire, il signore del nostro mondo e dei suoi mondi sorella, il cui simbolo glorioso fu l’astro del giorno.

    Apollonio visse fino all’età matura di 98 anni ed era un uomo dal fisico forte e di buona salute. Il più illustre dei suoi seguaci era Musonio, che fu considerato il più grande filosofo del tempo dopo il “Tiannese”. A differenza del suo omologo inventato – Gesù -, Apollonio si vantava di coraggio e anche se non era un uomo violento od ostile, rappresentò la legge della natura come legge di Dio e non si sarebbe mai sognato di predicare idee assurde, suicide e autolesionistiche come la filosofia che invita a “porgere l’altra guancia” e ad “amare i propri nemici”.

    Appena appresa la notizia che Tito aveva conquistato Gerusalemme in battaglia, Apollonio inviò immediatamente a Tito una lettera di lode, a cui Tito rispose al saggio rispettato, “io ho conquistato Gerusalemme, ma tu hai conquistato me.”

    Tra i suoi viaggi più speciali, Apollonio trascorse una notte nella tomba di Achille nel tentativo di comunione con questo leggendario spirito guerriero. Egli restaurò e eresse una statua e la cappella di Palamede, l’eroe della guerra di Troia. Quando visitò la Termopoli, il famoso sito di battaglia di Leonida e dei 300 spartani, Apollonio sentì i suoi seguaci discutere del fatto che era la più alta montagna della Grecia. Li chiamò a sé e disse: “Questa è la montagna più alta in Grecia; per coloro che sono morti qui, verranno elevati al di sopra dell’Olimpo”.

    Il motto “Pace in terra, benevolenza verso gli uomini” penso che sia una delle falsità più evidenti e sfacciate mai architettate e pronunciate dalla Chiesa cristiana. Certamente aspettavano troppo quando pensavano che una finzione, che si credeva in un’epoca ignorante, sarebbe stata creduta da un illuminato. Non c’è mai stato un olocausto che potrebbe anche solo avvicinarsi ai 1.000 anni neri di tortura indiscriminata e di uccisioni, conosciuto come l’Inquisizione cristiana.

    C’è stato più sangue versato in nome della religione che in tutte le guerre secolari della storia. Letteralmente, fiumi di sangue sono stati versati in nome del fittizio Gesù, motivati anche da una sete insaziabile di potere e guadagno. Eppure, è risaputo che non una goccia di sangue fu mai versata in nome del maestro spirituale – non fittizio- Apollonio.

    “La legge”, disse Apollonio, “ci obbliga a morire per la libertà, e la Natura ordina che dovremmo morire per i nostri genitori, i nostri amici o nostri figli. Tutti gli uomini sono vincolati da tali compiti.

    Ma il dovere più alto è quello del saggio; che è disposto a morire per i suoi principi e per la verità che ritiene più cara della vita. Non è la legge che stabilisce tale scelta su di lui, né lo è la natura; è la forza e il coraggio della propria anima. Anche se minacciato dal fuoco e dalla spada, questo non affievolirà la sua risoluzione né si riuscirà con la forza a fare pronunciare da lui la benché minima falsità; egli custodirà i segreti della vita degli altri e di tutto ciò che è stato affidato al suo onore, religiosamente come i segreti dell’iniziazione”.

    Fonte: Temple of Wotan

    Posted by blacksun-sole-nero @ 12:54

    Tags: , , , , , , , , , , ,

1 Comment to Apollonio di Tiana – Il tempio di Wotan

  • La pieta’verso il prossimo esisteva gia’ nel mondo oppure e’ una invenzione del cristianesimo? Oppure il prossimo per avere pieta’ doveva appartenere alla stessa classe del dispensatore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *