• 30 maggio 2014 /  Miguel Serrano

    Manu Per L'uomo che verrà - Miguel SerranoOgni nazionalsocialista, ogni hitlerista in verità dovrà aver presente sempre il carattere profondamente maligno della Massoneria come strumento al servizio dei piani ultimi del giudaismo. Questo lo ignorano i fratelli minori delle logge, ma lo sanno bene i loro più alti dirigenti internazionali. La massoneria mista, vale a dire, di giudei e non giudei, riceve le sue direttive dalla massoneria esclusivamente ebraica, in cui non si ammette un non giudeo come membro. I membri ebraici si raggruppano nella B’nai B’rith (o Beni Berith, “Figli dell’Alleanza”). Può notarsi la somiglianza di questo nome con Great Britain. Somiglianza che non è casuale, giacché è dall’Inghilterra che la massoneria giudaica si propagò al mondo, essendo massoni i più alti dirigenti della nobiltà e la monarchia di quel paese. La B’nai B’rith ha il suo centro principale negli Stati Uniti oggi, con quattrocentomila membri e forse di più, distribuiti in trecentotrenta logge in quel paese e ottanta in Europa. I membri di quella Loggia apparterrebbero, nella loro maggioranza, ai rami giudaici massonici Mizraim o Mizrahi. Alcuni anni fa, il suo presidente era l’ebreo Abel A. Katz, che fu ricevuto dal Papa in Vaticano, nel gennaio del 1960. I legami tra il Vaticano e la massoneria sono stati denunciati da Monsignor Lefebvre. Il Papa attuale, Karol Wojtyla Katzbroth, sarebbe giudeo e massone.
    Continua a leggere

    Tags: , , , , , , , , , , , ,

  • nazismo-esoterico-miguel-serrano-su-adolf-hitler-e-carl-gustav-jung-1Evola parla di una cospirazione mondiale, che superà il giudaismo e che comprenderebbe elementi non umani. Menziona un principe delle tenebre. Ed in ciò ha ragione. Perché che cosa sono gli archetipi junghiani dell’inconscio Collettivo? Sono entità inumane. Gli antichi li chiamarono demoni e Dei. È la memoria del sangue, per meglio dire, una memoria che circola nel sangue, che opera sulla terra per mezzo del sangue. Non c’è nulla di più misterioso del sangue. Paracelso lo considerava una condensazione della luce. Io credo che il sangue ariano, iperboreo, lo sia, ma non della luce del Sole d’Oro, di un sole galattico, bensì della luce del Sole Nero, quella del Raggio Verde. Non è l'”archivio della luce di Akasha”, bensi di un altro universo. L’archivio akashico appartiene al Nemico. Penetrando la Memoria del Sangue Iperboreo si risveglia la Voce e si recupera il Vril, potendosi rompere il Cerchio dell’Eterno Ritorno. E per questo che gli ariani dell’India Kshatriya brahamanica e dell’Hitlerismo Esoterico cercarono di conservare la purezza del sangue, per “ricordare” meglio e vincere nella Grande Guerra. Altrettanto fanno i giudei, all’estremo opposto con il loro “antisangue”.

    Continua a leggere

    Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Miguel Serrano sulla massoneria - Manu per l’uomo che verrà